Home » Comunicati stampa » One Billion Rising 2014 per Barbara Corvi

One Billion Rising 2014 per Barbara Corvi

Il 14 Febbraio a Terni e Perugia centinaia di persone hanno ballato per il One Billion Rising  la campagna internazionale lanciata da Eve Ensler (autrice de ‘I monologhi della vagina’) per dire basta alla violenza maschile sulle donne con un ballo collettivo in 189 paesi del mondo.

In Umbria il One Billion Rising 2014 è stato realizzato per Barbara Corvi scomparsa da Montecampano (TR) il 27 ottobre del 2009.

Gli uomini e le donne che hanno ballato in piazza lo hanno fatto indossando una infatti una maglietta con la scritta “Dove Barbara?” realizzata dal comitato Barbara Corvi.

Il comitato,costituito formalmente il 25 Novembre scorso— giornata internazionale contro la violenza sulle donne— ,è formato dalla famiglia di Barbara, da alcune associazioni del territorio provinciale, da liberi cittadini e dall’Amministrazione Comunale di Amelia con le seguenti finalità:
manifestare solidarietà, vicinanza e supporto alla famiglia Corvi,
sostenere le loro iniziative e il loro legittimo desiderio di fare chiarezza sulle ricerche, tenere accesi i riflettori sulla vicenda con iniziative e piccoli gesti concreti , promuovere azioni positive pensando a Barbara.

Barbara è una giovane donna che è scomparsa 4 anni e mezzo fa, lasciando casa, marito e soprattutto due figli. Sin dall’inizio la vicenda è stata oscura, nessuna traccia, nessun indizio. Solo un forte convincimento dei genitori e delle sorelle che non hanno mai creduto in un allontanamento volontario di Barbara. Circa due anni fa sembrava che le indagini intorno alla sua scomparsa potessero arrivare ad una svolta, alla luce della sconvolgente notizia, resa nota agli inquirenti da un pentito di ‘ndragheta, sulla morte della cognata di Barbara, Angela Costantino, sparita da Reggio Calabria in circostanze misteriose nel 1994. La donna era sposata con Pietro Logiudice, fratello del marito di Barbara e la somiglianza delle due scomparse non aveva lasciato presagire niente di buono, spingendo gli inquirenti a riaprire nuove piste legate soprattutto a queste nuove scottanti dichiarazioni. La Procura di Terni aveva stretto una collaborazione con gli agenti della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, al fine di ottenere qualche elemento in più sulla scomparsa di Barbara. Alla fine sono state arrestate dodici persone a Reggio Calabria, accusate dell’omicidio della Costantino, rea di aver tradito il marito, ma su Barbara non è trapelata nessuna notizia.
Da allora solo silenzio!
La procura di Terni, proprio poche settimane fa, ha archiviato il caso chiudendo le indagini e il fascicolo a carico di ignoti con l’ipotesi di reato di sequestro di persona.

Nessuna delle persone che amano Barbara, la famiglia, gli amici, si rassegnano e vogliono smettere di lottare.


Per questo il 14 febbraio  hanno gridato con forza Dov’è Barbara?

 


More news