Aprile 19, 2024

La dieta di Michael Phelps: cosa comprende e il suo allenamento

Nuotatore

Come uno dei più decorati olimpionici di tutti i tempi e 25 volte medaglia d’oro, si può dire che Michael Phelps ha avuto una carriera da atleta di tutto rispetto. E se il suo aspetto da ragazzo d’oro è parte di ciò che ha alimentato la sua ascesa alla fama, gran parte del suo successo può essere attribuito anche alle sue rigorose pratiche di allenamento e alimentazione.

Per prepararsi a ogni stagione agonistica, Phelps segue una dieta e una routine di esercizi estremamente rigorosa. Questo include molto nuoto e cardio, oltre a una sana dose di alimenti ricchi di proteine nella maggior parte dei giorni. La sua dieta comprende molte verdure a foglia verde, patate dolci, quinoa, salmone e altri superalimenti. Vediamo come si mantiene in condizioni fisiche ottimali tutto l’anno!

Qual è la dieta di Michael Phelps?

Per prepararsi a ogni stagione agonistica, Phelps segue una dieta estremamente rigorosa e una routine di esercizi. Questo include molto nuoto e cardio, oltre a una sana dose di alimenti ricchi di proteine nella maggior parte dei giorni. La sua dieta comprende molte verdure a foglia verde, patate dolci, quinoa, salmone e altri superalimenti. In effetti, si può dire che non c’è esempio migliore di Phelps quando si parla di alimentazione negli atleti.

L’importanza dell’alimentazione per gli atleti

Se è vero che una persona media dovrebbe seguire una dieta ben bilanciata, le esigenze nutrizionali di un atleta sono molto diverse. Il corpo umano è una macchina incredibilmente complessa e comprende una rete intricata di organi, tessuti e sistemi che lavorano insieme per consentirci di condurre una vita attiva e produttiva. Per funzionare in modo ottimale, il corpo ha bisogno di un apporto continuo di energia (cioè di calorie) proveniente dal cibo. Questa energia viene immagazzinata sotto forma di glicogeno nel fegato e nei muscoli.

L’attività fisica brucia queste scorte di glicogeno, costringendo l’organismo a ricorrere ad altre fonti di energia, quando il corpo ne ha bisogno ma non può ottenerla dal glicogeno, inizia a metabolizzare il tessuto adiposo per ricavarne energia. Sebbene questo non sia di per sé un male, il problema è che l’organismo può metabolizzare solo una certa quantità di tessuto adiposo alla volta.

Routine mattutina e colazione

Dato che Phelps segue un programma di allenamento rigoroso, si alza presto, intorno alle 5.30 del mattino, per poter svolgere gli allenamenti prima che la sua giornata diventi troppo impegnativa. Una volta terminata la nuotata mattutina, si dirige in cucina per iniziare la giornata con un pasto sostanzioso. La scelta della colazione è un ottimo esempio di come incorpori tanti superalimenti nella sua dieta.

La colazione di Phelps consiste in farina d’avena, mele tagliate a cubetti, latte di mandorle e miele. Prende anche una tazza di caffè, che non è un alimento tipico della colazione, ma poiché è un nuotatore accanito, la caffeina è in realtà un’ottima scelta nutrizionale per lui. Questa colazione non solo è deliziosa e ricca di fibre, vitamine e minerali, ma contiene anche circa 515 calorie.

Pranzo e cena

Phelps è solito consumare un’insalata a pranzo, seguita da una cena ricca di proteine. L’insalata è composta da verdure a foglia, patate dolci, quinoa, salmone, pomodori e olive. La cena, ricca di proteine, consiste spesso in un mix di salmone con verdure e quinoa questo pasto fornisce a Phelps molti nutrienti ad alta densità energetica di cui il suo corpo ha bisogno, mantenendolo al contempo in peso forma.

Anche se molti potrebbero dire che la dieta di Phelps è estrema, è importante ricordare che gli atleti professionisti hanno esigenze nutrizionali molto diverse rispetto alla media delle persone.

Spuntini e altri alimenti

La dieta di Phelps è in realtà piuttosto sana nel complesso, oltre a tutti i superalimenti che consuma, ha anche alcuni piaceri colpevoli che si concede di tanto in tanto. Uno di questi è il cioccolato anche se non è un superfood è ricco di antiossidanti e sostanze nutritive che fanno bene al cuore e al cervello. Phelps mangia anche altre prelibatezze occasionali, come il gelato e le patatine fritte. Sebbene non si tratti di alimenti particolarmente salutari, è lecito mangiarli occasionalmente, a patto che non vengano consumati troppo spesso e che non costituiscano una parte regolare della dieta.