Maggio 30, 2024

Trombosi venosa profonda: quali sono i sintomi e come intervenire?

La trombosi venosa profonda (TVP) è una patologia grave che colpisce milioni di persone in tutto il mondo, ma molti non ne conoscono l’esistenza finché non è troppo tardi. Comunemente definita “killer silenzioso”, la TVP è un coagulo di sangue che si forma nelle vene profonde del corpo, più comunemente nelle gambe. Se non viene diagnosticata e trattata tempestivamente, può essere pericolosa per la vita. Purtroppo, molte persone considerano i primi segni di TVP come un piccolo inconveniente, senza rendersi conto delle conseguenze devastanti che ne possono derivare. In questo articolo esploreremo i segni e i sintomi  e discuteremo dell’importanza di riconoscerli tempestivamente.

Inoltre, forniremo suggerimenti su come ridurre il rischio di sviluppare la TVP e metteremo in evidenza le varie opzioni di trattamento disponibili. Alla fine di questo articolo, avrete una migliore comprensione della trombosi venosa profonda e di come proteggervi da questo killer silenzioso.

Introduzione alla trombosi venosa profonda (TVP)

La TVP è una condizione medica grave in cui si forma un coagulo di sangue all’interno di una vena profonda del corpo, di solito nelle gambe. Se non viene trattata, la trombosi venosa profonda può causare complicanze potenzialmente letali come l’embolia polmonare, un coagulo di sangue che si stacca dalla vena e viaggia ai polmoni.

La TVP può anche causare danni permanenti alle valvole venose, portando a una condizione chiamata insufficienza venosa cronica ed è spesso indicata come “killer silenzioso” perché i sintomi possono essere lievi o assenti, e molte persone non ne sono a conoscenza fino a quando non si verificano complicazioni gravi.

Cause della TVP

La TVP può essere causata da diversi fattori, tra cui l’immobilità prolungata, la chirurgia, la gravidanza, la terapia ormonale sostitutiva e la presenza di altre condizioni mediche come il cancro. L’immobilità prolungata, come quella causata da un volo aereo o da un’ospitalizzazione, può aumentare il rischio di TVP perché il sangue tende a ristagnare nelle vene delle gambe. La chirurgia, in particolare quella agli arti inferiori, può danneggiare le vene e le valvole venose, aumentando il rischio di trombosi.

La gravidanza aumenta anche il rischio di TVP perché il sangue tende a coagulare più facilmente, le donne che assumono pillole anticoncezionali o terapia ormonale sostitutiva possono avere un rischio maggiore di sviluppare tale condizione. Altre condizioni mediche come il cancro possono aumentare il rischio perché le cellule tumorali producono sostanze che aumentano la coagulazione del sangue.

Sintomi della trombosi venosa profonda

I sintomi della TVP possono variare da persona a persona, ma i più comuni sono il gonfiore, il dolore e la sensazione di calore nella gamba colpita. Altri sintomi possono includere rossore o pallore della pelle, vene superficiali dilatate e sensazione di pesantezza o tensione nella gamba. Tuttavia, molti pazienti non presentano alcun sintomo evidente, il che rende la diagnosi della TVP molto difficile.

Fattori di rischio

Ci sono diversi fattori di rischio che possono aumentare la probabilità di sviluppare la TVP. I fattori di rischio comuni includono l’età avanzata, l’obesità, il fumo, la storia familiare, la presenza di altre condizioni mediche come il diabete e l’ipertensione e l’assunzione di farmaci che aumentano la coagulazione del sangue.

Le persone che hanno subito interventi chirurgici o che hanno subito un trauma alle gambe possono anche avere un rischio maggiore di trombosi venosa. È importante conoscere i propri fattori di rischio e discutere con un medico le misure preventive che possono essere adottate per ridurre il rischio di sviluppare la malattia.

Diagnosi

La diagnosi della trombosi venosa profonda può essere difficile perché i sintomi possono essere lievi o assenti. Tuttavia, ci sono diverse tecniche diagnostiche disponibili per identificare la presenza di un coagulo di sangue. La più comune è l’ecografia doppler, che utilizza onde sonore per creare immagini delle vene. L’angiografia, una procedura in cui viene iniettato un colorante nelle vene e quindi scattate radiografie, può anche essere utilizzata per diagnosticare la TVP.

Opzioni di trattamento

Il trattamento della TVP dipende dalla gravità della condizione e dalla presenza di complicanze. Il trattamento può includere farmaci anticoagulanti, che aiutano a prevenire ulteriori coaguli di sangue, e terapia di compressione, che aiuta a ridurre il gonfiore e il dolore. In alcuni casi, può essere necessaria la rimozione chirurgica del coagulo di sangue. È importante seguire le istruzioni del medico per il trattamento della TVP e non interrompere mai il trattamento senza consultare prima un medico.