Maggio 30, 2024

Tracciabilità flussi finanziari: gestirla con il digitale

Nell’era digitale l’obbligo di tracciabilità flussi finanziari ai sensi della normativa antiriciclaggio è certamente agevolato dai sistemi informatici. Grazie ad applicativi di qualità sviluppati da aziende altamente specializzate, oggi è possibile assolvere agli adempimenti di legge in modo rapido ed efficiente. Un valido supporto è dato da soluzioni integrate per la fatturazione elettronica, come ad esempio https://fatturapro.click/.

Tramite questo tipo di piattaforme digitali avanzate, è semplice inviare e ricevere in modalità del tutto dematerializzata i documenti fiscali relativi a ogni transazione commerciale. I dati contabili sono archiviati in modo sicuro e a norma per il tempo prescritto, garantendo la disponibilità della documentazione e la rintracciabilità delle singole operazioni anche a distanza di anni.

Ciò consente agli operatori economici di dimostrare in modo chiaro e documentato la provenienza e la destinazione dei flussi finanziari, agevolando l’attività ispettiva delle autorità preposte alla vigilanza. Al contempo, i sistemi di fatturazione elettronica permettono di risparmiare tempo prezioso nella gestione amministrativa quotidiana, liberando risorse da dedicare ad altre esigenze.

Tracciabilità flussi finanziari: monitoraggio del ciclo attivo

Gestire il ciclo attivo, ossia l’intero flusso creditizio verso i clienti, rappresenta una delle principali sfide nella gestione finanziaria di un’impresa. La dematerializzazione dei documenti fiscali e la digitalizzazione dei processi consentono oggi un monitoraggio trasparente di tutte le fasi, dall’emissione alla riscossione del credito, agevolando notevolmente le aziende.

Grazie a piattaforme integrate per la fatturazione elettronica, il titolare d’impresa ha la possibilità di tracciare in tempo reale lo stato di avanzamento di ogni pratica contabile attiva. Dall’invio del documento digitale al Sistema di Interscambio, passando per l’acquisizione da parte del cliente e l’eventuale caricamento su un cassetto fiscale aziendale, tutte le informazioni rimangono disponibili in cloud per una supervisione remota e costante.

Ciò permette all’ufficio amministrativo di intervenire tempestivamente laddove si verifichino anomalie, come una mancata conferma di ricezione da parte del destinatario. Anche lo storico delle transazioni è conservato automaticamente in formato digitale per dieci anni, favorendo un’agevole consultazione.

Il controllo in tempo reale su incassi e pagamenti è poi facilitato da notifiche push che avvisano sull’avvenuto accredito o addebito delle somme sul conto corrente. L’adozione di procedure telematiche rende più efficiente l’intero ciclo di monitoraggio attivo, consentendo all’imprenditore di intervenire con prontezza in caso di ritardi nei pagamenti per sollecitare la clientela. Ciò si traduce in flussi di cassa più sostenibili e nella riduzione dei rischi di insolvenza.

La dematerializzazione dei processi di fatturazione porta dunque benefici significativi in termini di trasparenza gestionale del ciclo attivo. Grazie al tracciamento digitale, l’impresa ottiene una vista a 360 gradi sulle performance del credito commerciale.

Tracciabilità dei flussi finanziari: contabilità e compliance

La corretta gestione della contabilità aziendale e il rispetto degli obblighi di compliance richiedono un monitoraggio preciso di tutte le movimentazioni fiscali. Grazie alla fatturazione elettronica è possibile esercitare un controllo approfondito sulle procedure contabili, semplificando lo svolgimento degli adempimenti normativi.

Le piattaforme per la fatturazione digitale consentono di archiviare automaticamente in formato elettronico qualsiasi documento fiscale emesso o ricevuto, compresi i registri IVA giornalieri e mensili. Ciò rende agevole l’incrocio fra i dati fiscali contenuti nelle fatture e quelli riportati nei libri contabili, permettendo di individuare tempestivamente eventuali errori o discrepanze.

Inoltre, la dematerializzazione del flusso documentale favorisce l’esportazione massiva dei dati per la compilazione delle dichiarazioni IVA trimestrali o annuali, riducendo i margini d’errore e semplificando il lavoro del commercialista incaricato della revisione.

Anche la predisposizione del bilancio d’esercizio è agevolata dalla disponibilità, in un unico gestionale digitale, di tutte le scritture contabili correttamente archiviate per tipo, mese e anno. Il controllo centralizzato su cloud consente inoltre un rapido riscontro dell’invio delle liquidazioni periodiche dell’IVA e il monitoraggio delle altre scadenze fiscali.

Sicurezza e conservazione sostitutiva

La conservazione digitale dei documenti fiscali riveste un’importanza strategica per le aziende, in quanto ne garantisce l’autenticità e l’integrità a fini probatori nel corso degli anni. La fatturazione elettronica, se corredata da un servizio qualificato di conservazione sostitutiva dei documenti digitali, assicura agli operatori economici un livello avanzato di sicurezza e tutela.

Le piattaforme leader nella fatturazione elettronica adottano sistemi di archiviazione cloud conforme agli standard indicati dall’Agenzia per l’Italia Digitale. I file XML delle fatture sono memorizzati in data center certificati secondo rigorosi protocolli di backup, cifratura e antintrusione. Inoltre, l’apposizione di marche temporali certificate rende possibile dimostrare in ogni momento l’integrità dei documenti conservati, escludendo manomissioni o errori nel trattamento dei metadati.

Tutto ciò permette di adempiere agli obblighi di legge in materia di prova tributaria, oltre a preservare il patrimonio informativo aziendale da rischi di smarrimento o obsolescenza dei supporti. La dematerializzazione tramite piattaforme certificate assicura così certezza giuridica e sicurezza dei documenti nel lungo periodo.