Maggio 13, 2021

Constatazione amichevole: cos’è e quando serve? Linee guida per compilarla

constatazione amichevole

Anche se sono situazioni da evitare con ogni mezzo possibile, sia in termini di danni economici ma soprattutto per un discorso di sicurezza, purtroppo capita che ci si ritrovi immischiati in un sinistro stradale in cui la colpa si dimostra chiara e palese.

Questo è il caso di autoveicoli parcheggiati e tamponati da altri, una mancata precedenza, un’infrazione del codice della strada, un eccesso di velocità o ancora, una non curanza dei segnali verticali e orizzontali. In casi come quelli descritti, in cui appunto, è del tutto certo chi sia il guidatore che ha commesso l’errore e in cui questo lo riconosca, è possibile abbreviare i tempi burocratici di un’azione da parte dell’assicurazione compilando la constatazione amichevole.

Constatazione amichevole: presupposti per poterla compilare

Può sembrare di cattivo auspicio, ma ci sono cose che in auto non devono mai mancare, sia per comodità che per regolamento legislativo d’interesse stradale. Tra le cose che può essere molto utile tenere in auto c’è il modulo del CID, ovvero della constatazione amichevole. Velocizzare le pratiche è ciò che si desidera, quindi perché non premunirsi? Naturalmente ci sono dei presupposti imprescindibili perché ci sia quest’opzione per gli automobilisti/motociclisti coinvolti:

  • Ammissione di colpa da parte di uno dei due conducenti;
  • Il sinistro riguarda solo due veicoli;
  • L’incidente coinvolge solo veicoli stradali assicurabili e non persone, animali, proprietà private o pubbliche;
  • Copertura assicurativa senza la quale non è neanche possibile circolare in strada;
  • Presenza del modulo CID da compilare;
  • Presenza di entrambe le parti coinvolte al momento della compilazione.

Modulo CID: cosa richiede? Dove trovarlo?

Il web offre tantissimi portali dove poter scaricare il modello CID in formato PDF, che potrà essere stampato e riposto in auto per ogni evenienza. Anche se si spera vivamente che prenda polvere senza doverlo utilizzare mai, quando avviene l’inconveniente, questo è ciò che vi troverete davanti:

La zona A e la zona B riportano ai due veicoli coinvolti e i relativi conducenti. Vi verrà chiesto ogni aspetto dell’incidente:

  • Ora, data e luogo dell’incidente;
  • Dinamiche in cui questo si è consumato;
  • Eventuali danni personali riportati dalla persona;
  • Eventuali danni ai veicoli e punto specifico in cui questi si sono provocati;
  • Tipo di veicoli;
  • Targhe dei veicoli;
  • Dettagli dei dati assicurativi;
  • Dati personali dei conducenti;
  • Recapiti e indirizzi;
  • Un disegno semplice che rappresenti il sinistro in modo chiaro, preciso e non fraintendibile;
  • Firma di entrambi i conducenti.

La mole di informazioni richieste è uno dei motivi per cui è bene mettersi d’accordo preventivamente. La raccomandazione, per quanto riguarda gli aspetti economici, è di affidarsi alle assicurazioni e non cedere denaro in contanti e al momento. Questo risarcimento non può essere dimostrato e sperare nella buona fede di persone sconosciute è un rischio enorme, vista e considerata la quantità di truffe che vengono effettuate a danno dei conducenti. L’invio del modulo può avvenire anche online, scattando una foto perfettamente visibile e a fuoco, oppure con l’utilizzo di uno scanner.