Dicembre 6, 2021

Cymbalta e fibromalgia: ecco come questo medicinale può aiutare a curare questa patologia

medicina

La fibromialgia è una malattia che purtroppo colpisce molte persone e causa una tensione muscolare con conseguenti dolori cronici ai tendini e ai legamenti. Uno dei farmaci adatti alla cura di questa sindrome è il Cymbalta approvato dalla Food and Drug Administration. Ma di cosa si tratta più specificatamente? Questo medicinale può effettivamente aiutare nella cura della fibromialgia? Di seguito approfondimenti e info sul Cymbalta.

Fibromialgia: possibili cause

La sindrome da Fibromialgia, anche conosciuta come sindrome di Atlante, è una malattia di origine reumatica idiopatica che provoca un aumento di tensione muscolare e di forte dolore nei casi in cui si sforzano i muscoli, i tendini o i legamenti.  Altri fattori che possono emergere sono affaticamento, debolezza, insonnia, sonno lieve o disturbato, alti e bassi sia emotivi che cognitivi con possibili episodi di panico , ansia o depressione. In realtà nel mondo della scienza non si è ancora trovata una vera e propria causa scatenante di questa sindrome. Eventi di forte stress mentale o fisico incidono profondamente sulla sua formazione ma non sono stati considerati come fattori scatenanti. Ciò che medici e ricercatori hanno riscontrato è la similitudine tra gli elementi dominanti della Fibromialgia con quelli che caratterizzando il disturbo da depressione cronico. Tra le cause principali ipotizzate ci sono: svolgimento dell’attività lavorativa, familiarità genetica, reazioni allergiche forti che colpiscono il sistema immunitario oppure una malattia di tipo muscolare.

Le parti del corpo che sono colpite più spesso sono la colonna vertebrale, le spalle, le braccia, i polsi e le cosce.  Non è raccomandato assumere comuni antidolorifici perché sarebbero inutili ad alleviare questo tipo di dolore. Come procedere allora? Un farmaco uscito da qualche anno è il Cymbalta. 

Cymbalta: può aiutare?

Il Cymbalta è un farmaco approvato per la cura della fibromialgia negli adulti. Dato che la sindrome da fibromialgia deriva da un possibile calo della serotonina nell’individuo, il Cymbalta è stato classificato proprio come farmaco SNRI, cioè inibitore della ricaptazione della serotonina-norepinefrina. Prima di essere associato per la cura della Fibromialgia era già stato raccomandato per altri tipi di disturbi tra cui il disturbo d’ansia generalizzato , il disturbo depressivo maggiore e per il dolore muscoloscheletrico cronico. Quindi l’assunzione di Cymbalta, attraverso le sostanze chimiche specifiche, va a provvedere un equilibrio mentale  che permette di bloccare ogni tipo di segnale del dolore che arriva al cervello. 

Tra gli effetti collaterali comuni del Cymbalta ci possono essere: bocca asciutta, aumento della sudorazione, visione offuscata, nausea e mal di testa.

Prima di procedere con l’eventuale acquisto del Cymbalta è fondamentale parlarne con il proprio medico e chiedere maggiori informazioni.