Febbraio 27, 2024

Piattaforme elevatrici per interni: soluzione ideale per abbattere le barriere architettoniche

La presenza di una scala oppure di un dislivello possono essere un ostacolo per le persone anziane, disabili, ipovedenti, sordi e tutti coloro che sono affetti da disabilità motorie. Oltre agli ascensori, anche le piattaforme elevatrici per interni possono aiutare ad abbattere le barriere architettoniche in carrozzina e consentono un movimento verticale all’interno di un appartamento indipendente o all’interno di un condominio.

Rispetto al montascale che si muove in senso obliquo, la piattaforma elevatrice per interni è progettata per compiere un movimento verticale, semplificando la vita delle persone disabili oppure con problemi di mobilità. Questi dispositivi sono costituiti da una cabina in cui la persona disabile sale con la sedia a rotelle e si muove su e giù azionata da un motore, al fine di raggiungere l’altro piano.

In base alla tipologia di barriera architettonica, si possono trovare in commercio piattaforme elevatrici per interni che sembrano essere in grado di potere aiutare a superare dislivelli differenti e che possono essere installate all’interno di un contesto privato oppure pubblico. 

Possibili vantaggi di una piattaforma elevatrice per interni

Le piattaforme elevatrici per interni possono avere il vantaggio di lasciare libera la scala da qualsiasi ingombro e consentono anche di essere utilizzate in modo autonomo. Possiedono la capacità di potere aiutare a risolvere in modo semplice e poco invasivo la presenza di barriere architettoniche e possono garantire uno spostamento autonomo della persona anziana o con difficoltà motorie, anche su sedia a rotelle.

Rispetto un ascensore, la piattaforma elevatrice per interni possiede una struttura più piccola e necessita di una fossa di dimensioni ridotte. Il consumo elettrico sembra essere davvero modesto e per questo la si può installare anche all’interno di un’abitazione, senza dovere apportare modifiche all’impianto elettrico esistente.

Per quanto riguarda le dimensioni, le piattaforme elevatrici occupano poco spazio e possono essere realizzate su misura anche in spazi poco facili da raggiungere. Inoltre, è possibile anche personalizzare i vari modelli presenti in commercio a seconda delle necessità.

Caratteristiche piattaforme elevatrici per interni

Le piattaforme elevatrici per interni rappresentano dei mini ascensori concepiti per il trasporto di una persona che presenta disabilità motorie, ma con costi di installazione, di manutenzione e tempi di montaggio decisamente inferiori.

La tecnologia di installazione della piattaforma elevatrice può essere elettrica oppure idraulica. Quest’ultima risulta essere più semplice da installare ma richiede un apposito armadio per sistemare la centralina e il quadro motore, mentre quella elettrica sembra consumare di meno ed essere più ecologica. Anche l’armadio per contenere il quadro di manovra possiede dimensioni inferiori, rispetto quello da realizzare per il modello idraulico.

La potenza della piattaforma elevatrice per interni oscilla da 1 kW a 2,2 kW, variazione che può oscillare in funzione della grandezza della piattaforma. La portata della piattaforma elevatrice per interni, invece può andare dai 240 ai 425 kg. In ogni caso, è sempre consigliabile evitare l’utilizzo improprio della piattaforma elevatrice, in quanto potrebbe comprometterne il funzionamento.

Lo stile classico o moderno, il colore della cabina, il corrimano, le porte manuali o automatiche sono tutti elementi da valutare con estrema attenzione prima dell’istallazione di una piattaforma elevatrice per interni. Questa tipologia può essere una possibile soluzione per coloro che necessitano di maggiore comfort nel superamento di dislivelli all’interno di un contesto abitativo.

Agevolazioni fiscali

Le recenti disposizioni in ambito di agevolazioni fiscali che riguardano le ristrutturazioni abitative che possono essere utili per aiutare ad abbattere le barriere architettoniche, hanno introdotto una novità relativa all’acquisto e conseguente installazione delle piattaforme elevatrici per interni.

L’acquisto e l’installazione delle piattaforme elevatrici per interni sono diventate due fasi molto convenienti grazie alle agevolazioni fiscali e ai contributi presenti sul territorio italiano.

In particolare, si può attingere alla detrazione Irpef del 19% per interventi di abbattimento delle barriere architettoniche e laddove si abbiano i requisiti necessari, anche alla detrazione Irpef del 50% prevista per gli interventi di ristrutturazione. In aggiunta, si può anche usufruire di un’IVA agevolata al 4% e dei contributi per l’abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici privati.