Febbraio 23, 2024

Storia degli Assiri: cosa facevano e come vivevano

Assiri

Gli Assiri erano un popolo che visse in Mesopotamia e nei suoi dintorni dal IX secolo a.C. fino al VII secolo d.C. noti per la loro prodezza militare e per questo vengono talvolta definiti “combattenti della Mesopotamia” o “custodi delle porte dell’Asia”, come si consideravano tra Europa e Asia.

Il loro impero raggiunse il suo apice sotto Ashurbanipal nel VII secolo a.C., dopodiché declinò costantemente prima di terminare con la sua distruzione definitiva nel 616 d.C., ad opera delle forze combinate di Medi, Babilonesi e Caldei. In questo articolo esploreremo chi era questo popolo, da dove veniva e cosa gli accadde in seguito.

Chi erano gli Assiri?

Gli Assiri erano un popolo semitico che visse in Mesopotamia tra il IX secolo a.C. e il VII secolo d.C. Sono noti per la loro abilità militare, motivo per cui a volte vengono chiamati “combattenti della Mesopotamia” o “guardiani dell’Asia”, in quanto si consideravano tra Europa e Asia. L’impero assiro, al suo apice nell’VIII secolo a.C., si estendeva da Cipro e dal Mediterraneo a ovest fino all’altopiano iraniano a est, e dalle montagne del Caucaso a nord fino al deserto arabo a sud.

Gli Assiri sono noti per essere stati tra i primi a praticare molte delle arti e delle usanze che sono associate a quella che oggi è chiamata “civiltà occidentale”, tra cui l’architettura, l’agricoltura, la metallurgia del bronzo e del ferro, le leggi scritte, la religione organizzata e una forma di governo che era un misto di re, sacerdoti e nobili.

Origini della civiltà

Gli Assiri provenivano dalla regione della Siria e sono considerati un popolo di lingua semitica come i Fenici e gli Ebrei. Si stabilirono originariamente nella parte settentrionale della Mesopotamia, tra i fiumi Tigri ed Eufrate, dove formarono diverse piccole città-stato. Nel corso del tempo, il loro territorio si è esteso fino a comprendere l’intera regione fino al Mar Mediterraneo.

In origine si trattava di un popolo, ma che iniziò una graduale transizione verso una società agricola stanziale nel X secolo a.C. Le prime testimonianze scritte degli Assiri risalgono al regno di Shamshi-Adad I, durante il XVIII secolo a.C. Il re assiro Shalmaneser I (1274-1244 a.C.) portò la regione settentrionale alla ribalta come regno importante e l’Impero assiro raggiunse il suo apice nell’VIII secolo a.C..

Come vivevano gli Assiri?

Gli Assiri erano un popolo prevalentemente agricolo che praticava anche la caccia e la pastorizia. Vivevano generalmente in grandi città fortificate, dove sfruttavano i numerosi canali e fiumi per i trasporti, l’acqua per l’agricoltura e per generare energia per varie industrie. Tra le loro impressionanti imprese ingegneristiche c’è la creazione di una vasta rete di serbatoi e canali per portare l’acqua nelle regioni aride e la costruzione di enormi fortificazioni inespugnabili per proteggere le loro città dai nemici.

Furono anche i primi a costruire dighe artificiali per inondare le aree e creare paludi come misura difensiva e a coltivare orzo, cetrioli, meloni, cipolle e altro ancora come colture da reddito. L’abbigliamento di base era solitamente costituito da una camicia e da pantaloni di lino, gli uomini indossavano spesso un perizoma e le donne un abito lungo che scendeva fino ai piedi. Indossavano sandali fatti con cinghie e cuoio e si coprivano il capo con turbanti e/o avvolgevano la testa in uno scialle.

Il loro declino

L’impero assiro iniziò un costante declino nel VII secolo a.C., in parte dovuto all’ascesa dei Medi, dei Babilonesi e dei Caldei come grandi potenze della regione. Alla fine del VII secolo a.C., gli Assiri avevano perso il controllo della parte settentrionale del loro impero e i Babilonesi controllavano la regione meridionale. Nel 616 a.C. i Medi, i Babilonesi e i Caldei si unirono contro gli Assiri, conquistando la loro ultima grande roccaforte e ponendo fine all’Impero assiro.

Dopo la caduta dell’Assiria, molti assiri furono trasferiti con la forza in altre zone del Medio Oriente e dell’Asia centrale, molti si convertirono al cristianesimo durante il periodo romano e persiano e molti di loro migrarono in altre parti del Medio Oriente, in particolare in Siria e in Iraq. Altri migrarono più a ovest, verso l’odierno Iran e il Caucaso.