Giugno 24, 2024

Quali sono le tecniche di massaggio più richieste?

La richiesta di massaggi è in aumento negli ultimi anni. Oggi le persone sono sempre più attente al proprio benessere, inoltre c’è molta consapevolezza sugli effetti positivi dei massaggi. Dal miglioramento della funzionalità dell’apparato muscoloscheletrico al relax mentale, fino al trattamento di disturbi come lombalgia e cervicalgia, i massaggi consentono di migliorare la qualità di vita e ridurre dolori e stress.

Il settore offre molte opportunità se desideri svolgere questa professione, ma prima devi qualificarti con un corso riconosciuto per massaggiatori. Si tratta di soluzioni formative come quelle proposte dallo staff di ArteCorpo, su cui trovi maggiori informazioni qui, un centro AICS-CONI certificato e riconosciuto dal WMF (World Massage Federation) che offre corsi di massaggio a Milano di tipo olistico-bioenergetico, riflessogeno del piede di 1° livello, miofasciale, tradizionale e muscolo sportivo con docenti specializzati e rilascio dell’attestato di formazione.

Massaggio svedese

Il massaggio svedese è senz’altro tra i più richiesti in Italia e nel resto del mondo. Questo metodo tradizionale è finalizzato al benessere per ridurre la tensione muscolare accumulata, per lasciare le ossa e le articolazioni più elastiche e garantire una maggiore agilità dei movimenti. Si tratta di un massaggio fisiologico tradizionale, con il quale si applicano specifiche tecniche di massaggio muscolare, connettivale e linfodrenante, adottando un approccio olistico e funzionale nei confronti del corpo umano.

Un corso di massaggio tradizionale prevede una serie di elementi di teoria, come lo studio dell’anatomia muscolo-scheletrica, cenni di fisiologia, di istologia, dermatologia, biomeccanica, posturologia e bioenergetica. Inoltre, si studia la teoria del massaggio applicata alle attività sportive, la legislazione sulla professione di operatore del massaggio e la deontologia professionale. La pratica comprende le fasi di accoglienza, anamnesi e preparazione del paziente, i trattamenti distrettuali e le principali tecniche di massaggio connettivale, muscolare, linfodrenante e bioenergetico.

Massaggio bioenergetico

Il massaggio bioenergetico è sempre più richiesto e popolare al giorno d’oggi, grazie agli innumerevoli vantaggi che offre per migliorare il benessere e la qualità della vita. Alla base di questo approccio c’è l’individuazione di specifiche aree del corpo umano, per intervenire nelle zone che generano tensione e conflitti emotivi ripristinando il flusso naturale dell’energia vitale. Per ottenere questo risultato il massaggio bioenergetico utilizza una serie di tecniche come il grounding, per recuperare energia e risorse attraverso il perfetto equilibrio tra respirazione e mente.

Un corso di massaggio olistico ad indirizzo bioenergetico prevede lo studio della bioenergetica di Alexander Lowen, psicanalista americano considerato il padre della terapia bioenergetica, l’identificazione dei caratteri psico-corporei e le sequenze di lavoro tipiche, le tecniche di massaggio olistico, la fisiologia dello stress e le tecniche di rilassamento. Nel percorso formativo si studiano anche l’aromaterapia e l’utilizzo degli oli essenziali nel massaggio aromaterapico, comprese le tecniche di respirazione anti-stress e gli esercizi di ginnastica bioenergetica.

Massaggio miofasciale

Tra le tecniche di massaggio più richieste c’è anche il massaggio miofasciale, un particolare metodo che consente di alleviare il dolore muscolare per aumentare il benessere del paziente. Questa tecnica lavora in profondità per ridurre il dolore, allo scopo di ripristinare il corretto stato della tensione dei muscoli e della fascia connettivale. Con il massaggio miofasciale è possibile migliorare eventuali limitazioni alla mobilità, affinché il corpo torni alla sua elasticità normale.

Per effettuare il massaggio miofasciale bisogna frequentare un apposito corso formativo riconosciuto, durante il quale si studiano la teoria della fascia profonda, le catene cinetiche anteriori e posteriori, i test e le tecniche di mobilità attiva e passiva, le tecniche di release miofasciale generali e distrettuali e molti altri concetti e metodologie. Tra questi ci sono anche le conoscenze essenziali per il trattamento della cervicalgia e della lombalgia, per trattare i dolori muscolari e apportare un beneficio concreto nella vita dei pazienti.

Massaggio muscolo sportivo

Con l’aumento di persone che si dedicano con costanza all’attività sportiva sono sempre più richiesti professionisti specializzati nel massaggio muscolo sportivo. Questo particolare tipo di massaggio consiste in una serie di tecniche che migliorano le performance atletiche, ad esempio attraverso la riduzione delle tensioni muscolari, il miglioramento dell’umore mediante la diminuzione dello stress e dell’ansia, la riduzione della frequenza cardiaca, la preparazione muscolare all’attività sportiva e l’accelerazione della guarigione dalle contratture muscolari.

Un corso di massaggio muscolare sportivo prevede un programma ben articolato, che include lo studio dell’anatomia muscolo-scheletrica, della biomeccanica e cenni di posturologia, la fisiologia del lavoro muscolare e la costruzione di protocolli di allenamento. Inoltre, la formazione professionale si basa anche sull’insegnamento pratico delle tecniche di massaggio sportivo, i massaggi pre-gara, infra-gara e post-gara, i trattamenti distrettuali per esigenze specifiche degli atleti e le tecniche di allungamento generali e di comparto.