Ottobre 25, 2020

Anatra in porchetta: la tipica ricetta umbra

Anatra in porchetta

L’Umbria è indubbiamente un’eccellenza per quel che riguarda la qualità del loro cibo. Tra le tante ricette che la cucina italiana offre ne esistono alcune che bilanciano in modo perfetto la semplicità della preparazione e anche la sua bontà. Un classico esempio di questo assioma è l’anatra muta in porchetta che è un piatto tipico della cucina regionale umbra. Andiamo a vedere come si prepara e di cosa avremo bisogno per la sua preparazione.

L’anatra muta è un ottimo secondo gustoso e sostanzioso che siamo sicuri amerete.

Gli ingredienti

Le dosi sono da considerarsi e riferite a quattro persone e sono:

– 1 anatra muta di circa 1,2 kg, già pulita,

– 100 gr di grasso di prosciutto,

– 2 rametti di rosmarino,

– 1 mazzetto di finocchio selvatico,

– 1 ciuffo di salvia,

– olio extravergine di oliva,

– aceto rosso,

– sale e pepe.

Preparazione

Fiammeggiate l’anatra, ripulite la pelle dalle pennette quindi svuotatela, lavatela e asciugatela anche internamente.

Mettete su un piatto un cucchiaino da tè di sale, una generosa macinata di pepe e mescolateli con i semi di finocchio.

Tagliate la pancetta a mattoncini e rotolateli nel miscuglio preparato in modo che vi aderisca.

Svuotate il ventriglio e ripulite il fegatino da eventuali macchie di fiele quindi lavateli a tagliateli ambedue a pezzetti che mescolerete ai lardelli e agli spicchi d’aglio non sbucciati. Introducete tutto nella cavità dell’anatra e cucite l’apertura con un grosso ago e un filo bianco robusto.

Insaporite l’anatra con sale e pepe anche all’esterno quindi accomodatela in una teglia e mettetela nel forno già caldo a 190°.

Giratela spesso e, durante la cottura, punzecchiate ogni tanto la pelle con la forchetta per far uscire il grasso.

L’anatra dovrà cuocere circa un’ora e mezza e, durante gli ultimi dieci minuti di cottura, rialzate la temperatura del forno fino a 220° in modo che la pelle diventi ben asciutta e croccante.

Servitela caldissima.

Abbinamenti

Insieme ad un piatto così gustoso avremo bisogno di un vino di accompagnamento adeguato, Il vino Chianti Classico DOCG si sposa perfettamente con i sapori dell’anatra.

Le caratteristiche organolettiche del Chianti classico DOCG prevedono un colore Rosso rubino, più o meno intenso. Il profilo olfattivo del vino Chianti classico DOCG è Floreale, Fruttato, Speziato e al palato risulta armonico, secco, sapido, tannico, morbido, pastoso. Un altro vino perfetto per accompagnare le carni in porchetta è sicuramente il vino Aglianico del Vulture Superiore Riserva DOCG.

Le caratteristiche organolettiche del Aglianico del Vulture Superiore riserva DOCG prevedono un colore Rosso rubino, intenso, Rosso granato, Rosso granato con riflessi aranciati. Il profilo olfattivo del vino Aglianico del Vulture Superiore riserva DOCG è caratteristico, piacevole, intenso e al palato risulta secco, tannico, sapido, armonico.

Se cercassimo un antipasto da unire alla nostra stupenda anatra il mio consiglio è di preparare dei crostini ai fegatini anche loro tipici umbri. Riporterete l’Umbria in tavola con dei sapori che vi faranno ricordare i boschi e l’aria pulita uniti ad un gusto inconfondibile.