Gennaio 23, 2021

Balconi fioriti: piante adatte, tecniche e consigli per far mantenere i fiori

balconi fioriti

Potete sfogliare riviste su riviste sul tema dell’arredamento, acquistare il mobilio più in voga sul mercato e prestare attenzione ad ogni minimo dettaglio, ma diciamocelo: nulla arreda come dei bei fiori.

Quando questi fiori e piante sono posizionate sui balconi, poi, non solo conferiranno un incredibile estetica esterna, ma anche la possibilità di mantenere a lungo la fioritura rispetto ai classici fiori in vaso all’interno. Vediamo quali sono le piante migliori da tenere sul balcone, quali sono le più resistenti e come tenerle al massimo del loro splendore per più tempo possibile.

Le piante da balcone tipiche e le più belle

Prime tra tutte, non si possono non citare le varietà di rampicanti. Sono quelle che maggiormente si prestano ad abbellire il muro del balcone contrastando quell’aspetto spento da classico condominio. Sono piante che vanno tenute con molta cura poiché tendendo a crescere in una forma e direzione autonoma, devono essere indirizzate e tagliate tramite appositi sostegni e reti (evitando così, l’ira del vicinato!). Altra ottima opzione sono le sempreverdi, piante che non temono le basse temperature e che con i loro profumi sono ottime per contribuire a tenere lontani alcuni tipi di insetti. Alcune di queste sono il rosmarino, la lavanda, il timo e la salvia. Le fioriture di queste piante sono generalmente dai colori freddi e nelle note del blu-violaceo. Se desiderate dare un tocco vivace al vostro balcone potrete optare per classiche le rose in tutte le loro varietà, negli allegri girasoli, nelle semplici margherite, le eleganti calle e l’esplosione di colore delle ortensie. Infine, se desiderate qualcosa di molto resistente, potreste scegliere le piante succulente (volgarmente dette grasse).

Come prendersi cura delle piante da balcone e preservare la fioritura

Sappiamo bene che la primavera ha un periodo limitato e quei fiori che hanno reso di buonumore chiunque sia passato dal vostro balcone, nella maggior parte delle specie finiranno per seccarsi all’arroventarsi delle temperature. Questo è un processo naturale e inevitabile ma ciò non vuol dire che non possiate cercare di mantenere la fioritura tanto attesa un po’ più a lungo prestando attenzione alle vostre piante. Prevedibilmente, ogni pianta è a sé e per curarla bisogna che ne conosciate le caratteristiche: le margherite necessitano di molto sole ed è bene sceglierle solo se il terrazzo è ben illuminato e il clima è mite, le piante succose devono essere innaffiate di rado al contrario delle ortensie, mentre le calle non sono a loro agio nelle zone troppo soleggiate. I consigli generali, tuttavia sono i seguenti:

  • Informarsi su quantità di acqua, sole e spazio della specie scelta;
  • Effettuare periodicamente la potatura;
  • Non dimenticare di travasare il terreno;
  • Concimare adeguatamente il terreno;
  • Osservare terreno, foglie, fiori e frutti per trovare variazioni di colore, forma e eventuale presenza di parassiti visibili;
  • Non lasciare le piante fuori se queste non sono adatte a sopravvivere alle intemperie.