Ottobre 4, 2022

Pressa piegatrice: usi e funzioni di una macchina utensile indispensabile

La formatura dei metalli è una delle attività che più hanno segnato la storia della metallurgia. Nel corso degli anni, a seconda delle esigenze degli artigiani, le macchine utensili necessarie alla lavorazione della lamiera si sono evolute, raggiungendo il loro massimo sviluppo negli ultimi decenni del ‘900 grazie alle nuove tecnologie.

I moderni sistemi di controllo forniscono una maggiore precisione alle macchine utensili industriali e ne migliorano le prestazioni. La pressa piegatrice è stata tra i primi macchinari ad essere oggetto di migliorie tecnologiche. In questo articolo approfondiremo l’importanza della pressa piegatrice e le differenti tipologie adottabili in un contesto industriale.

A cosa serve una pressa piegatrice?

La piegatura delle lamiere è un processo di formatura senza asportazione di materiale e con deformazione plastica in cui la lastra viene piegata fino a raggiungere un certo angolo. Per ottenere questo risultato viene utilizzata la pressa piegatrice, dove la lamiera da sagomare, posta sullo stampo, si deforma a causa dell’urto prodotto dal punzone, azionato dalla parte mobile della pressa piegatrice.

Le presse piegatrici offrono una grande versatilità, che varia a seconda delle dimensioni del foglio da deformare; alcune riescono a lavorare con materiali fino a 20 mm di spessore. Inoltre, le ultime tecnologie consentono ad alcune piegatrici di lunghe dimensioni di avere la capacità di ospitare un gran numero di stampi ed eseguire diverse piegature consecutive.

Nonostante sul mercato ci sia un’ampia varietà di tipologie di presse piegatrici, l’idraulica è attualmente la più utilizzata nel settore industriale. Non a caso si tratta di uno strumento con il quale si ottiene un maggior grado di efficienza e precisione.

Tra i marchi più affidabili troviamo Trumpf, Bystronic, Amada, Haco e Farina Group. Estremamente fornito il mercato dell’usato, che raccoglie le presse piegatrici provenienti da rinnovo macchinari o aste. Se vuoi investire nell’usato e contenere i costi, clicca qui e scopri le presse piegatrici usate di Mach-Trade.

I diversi tipi di pressa piegatrice

La scelta del tipo di pressa piegatrice dipenderà dall’applicazione, dalla precisione richiesta, dalla ripetibilità e dalla capacità produttiva. A seconda del meccanismo utilizzato per l’operazione di piegatura si possono distinguere quattro tipi di pressa piegatrice.

Pressa piegatrice manuale

Semplice e piccole dimensioni, il suo impiego è limitato a fogli molto sottili, da finezza 20 a 8 o 9, a seconda del materiale (ferro, alluminio o acciaio inox). È una macchina altamente efficiente, con un grande risparmio energetico e facile da spostare.

Piegatrice meccanica

Questo tipo di macchina introduce un volano che produce l’energia per avviare il pressore, che è dove è alloggiato il punzone. Un dispositivo meccanico collega il volano con il morsetto sagomato in modo tale che, quando è disaccoppiato, il volano accumula inerzia e quindi, una volta accoppiato, consente il movimento di salita e discesa. Questa inerzia immagazzinata è ciò che viene utilizzato per creare il tonnellaggio necessario per il processo di piegatura.

Pressa piegatrice idromeccanica

Questo tipo di pressa piegatrice è molto simile alla precedente, ma in questo caso il volano viene sostituito da una pompa idraulica, preposta a fornire l’inerzia necessaria per azionarla. Questa pressione idraulica consente ad un motore idraulico di azionare un albero di trasmissione, dando luogo al movimento ascendente e discendente della pinza e generando la potenza necessaria per piegare la lamiera.

Il principale vantaggio delle presse piegatrici idraulico-meccaniche rispetto a quelle meccaniche è che le prime non hanno bisogno di completare una gara per raggiungere il tonnellaggio massimo, ma questo può essere ottenuto in qualsiasi momento della gara.

Piegatrice idraulica

Questo tipo di macchina è la più moderna ed efficiente. In questo caso, la pressa piegatrice utilizza una pompa idraulica e cilindri idraulici per azionare il punzone, fornendo un’elevata precisione, velocità ed efficienza che superano di gran lunga le prestazioni di altri tipi di presse piegatrici. Inoltre, queste macchine sono azionate da CNC, che si occupa del controllo del sistema di valvole in grado di conferire alla pressa una grande precisione negli angoli di piega.

Sempre più spesso, le presse piegatrici vengono combinate con soluzioni tecnologici per offrire sistemi di piegatura automatizzati. Grazie ai sistemi robotici integrati, le macchine potranno scegliere un tipo di piegatura o un altro a seconda della finitura dei pezzi e del volume di produzione, senza bisogno dell’intervento dell’operatore. Questa tecnologia offre quindi un aumento significativo della produttività.