Ottobre 25, 2020

Basket Bambini: quali sono i benefici?

Basket bambini

Introdurre i più piccoli alla disciplina sportiva è molto importante per la loro crescita. Proprio per questo, nell’articolo che segue, intendiamo parlarti di basket per bambini e del perché questo sport è da considerare il più adeguato per tuo figlio.

Sebbene in Italia il calcio sia tra gli sport più amati, anche il basket esercita un grandissimo fascino sugli amanti dell’attività sportiva.

Oltre ad essere una pratica divertente e simpatica da apprendere, la pallacanestro è da considerarsi una delle migliori a cui iniziare un bambino, che di certo ne amerà gli intenti e le logiche.

Ma quali sono le ragioni per le quali avvicinare un ragazzino a questo sport e quale invece l’età giusta per iniziare?

Proviamo a fare un po’ di chiarezza.

Basket Bambini: quali sono i benefici?

Il basket è uno sport particolarmente adatto ai bambini perché favorisce lo spirito di squadra e alimenta l’amore per la coesione. Ogni sport riesce in qualche modo ad introdurre i più piccoli alla socialità ma quello da noi proposto oggi lo fa con una ragione in più. Se prendiamo ad esempio le tante discipline proposte dall’atletica leggera – come la marcia, la corsa o il salto – possiamo dire senza il timore di sbagliare che ognuna di essa insegna all’atleta il rigore e la resistenza ma lo fa allenandone anche la capacità ad operare in piena individualità.

Contrariamente a quanto accade quindi nel nuoto o ad esempio nello yoga, il basket vede nella coesione una possibilità di vincita in più e per questo ne incentiva la crescita.

Per quel che concerne invece i vantaggi fisici, la pallacanestro migliora la postura del bambino e ne aumenta la capacità di respirazione.

Stando in campo, il tuo piccolo atleta imparerà a disporre in piena autonomia delle sue energie e allenerà non solo il corpo ma anche la mente, tenuta sempre attiva dalla spinta alla strategia.

Basket bambini: quando è giusto iniziare?

Una domanda molto comune quando si parla di basket e bambini riguarda l’età minima richiesta agli atleti. A quanti anni è giusto introdurre il piccolo a questa pratica sportiva?

Fino a poco tempo l’età minima indicata per il basket era fissata a 10 anni. In realtà, da qualche anno a questa parte, le cose sono molto cambiate, poiché si è fatta strada in Italia, così come nel resto del mondo, una disciplina che altro non è che una declinazione della pallacanestro tradizionale: parliamo del minibasket, che introduce i bambini all’esercizio fisico e al gioco di squadra a partire dai 4 anni d’età.

Il minibasket viene spesso inserito nei corsi extra-disciplinari degli istituti scolastici. La pallacanestro è, come abbiamo detto, una disciplina caldamente raccomandata dai medici ma lo è anche dagli insegnanti, che riconoscono in essa un grandissimo potenziale educativo.

Basket bambini: che cosa serve?

Se stai pensando di iscrivere il tuo bambino ad un corso di basket o minibasket e stai domandandoti a cosa gli occorrerà, ecco qualche utile consiglio.

Molti dei centri sportivi che avvicinano i bambini al basket forniscono divise e abbigliamento. Se così non fosse, però, ti consigliamo di vestire il tuo piccolo atleta a strati e con un abbigliamento comodo e traspirante. Anche per quel che riguarda la scarpe bisogna pensare al fattore comodità: nei più grandi store di articoli sportivi, troverai sicuramente un reparto dedicato alle scarpe da basket.

Nella borsa di un bambino che gioca a pallacanestro, inoltre, non possono mancare asciugamani, asciugacapelli e un set da doccia. Le strutture sportive forniscono di solito i prodotti come shampoo e bagnoschiuma ma nel dubbio è sempre meglio non lasciar il tuo piccolo sportivo impreparato.